La tensione è la causa della corrente elettrica. Essa è una forza che mette in moto gli elettroni nei conduttori.

Se prendiamo un pezzo di metallo o un filo di rame o di alluminio in esso non scorre nulla. Dobbiamo collegarlo ad una pila per avere una corrente. Allora che cos'è la pila?

Una pila è un generatore di tensione, ossia un apparecchio in grado di creare uno squilibrio di cariche elettriche (la cosiddetta differenza di potenziale: d.d.p.). Sul corpo di ogni pila trovate stampati due segni \(+\) e \(-\), i cosiddetti poli o anche elettrodi. In corrispondenza del polo positivo (\( +\)) abbiamo una mancanza di elettroni e quindi un eccesso di protoni, mentre al polo negativo (\(-\)) corrisponde un'eccesso di elettroni e quindi una carenza di protoni.

Quando colleghiamo una pila in un circuito chiuso, stiamo sostanzialmente mettendo in comunicazione i due poli, quindi gli elettroni a causa della tensione si spostano (perchè attratti dai protoni), dal polo negativo verso il polo positivo. Quando si raggiunge l'equilibrio, la pila si scarica e non c'è più corrente.

La tensione è una forza elettromotrice (fem) in grado di spostare gli elettroni nei conduttori a seguito di una differenza di potenziale
$$ \diamond $$