Il grafico delle fasi della risposta in frequenza (in funzione della frequenza \( f\)) è il diagramma di bode delle fasi. Questo diagramma riporta sull'asse delle ascisse la frequenza \(f\), e sull'asse delle ordinate la fase della risposta in frequenza \( |\mathrm{G(j\omega)|}\).

$$ \diamond\diamond $$

Supponiamo di possedere il diagramma delle fasi. Ad esempio, quando compriamo un microfono o un diffusore di solito il produttore allega alla documentazione i relativi diagrammi della risposta. Per leggere un diagramma bisogna procedere nel modo seguente: Consideriamo ad esempio il seguente diagramma delle fasi:

Il significato del diagramma è il seguente: preso un valore di frequenza \( f_0 \), sull'asse orizzontale; ad esso, attraverso il grafico, corrisponde un valore (immagine) della fase \( \angle(\cdot)\) a quella frequenza particolare. In altre parole, diagramma mi sta dicendo che applicando un certo segnale di partenza (in input) con un'ampiezza fissata, e di frequenza ad esempio \( 1000 Hz\), allora la fase dello stesso segnale (che non viene modificato in pulsazione) risulterà modificata e sarà pari a quella corrispondente al valore di \( 1000 Hz\) nel diagramma.


Anticipo e Ritardo

Leggendo la fase del segnale in uscita, quindi il grafico delle fasi, possiamo accorgerci se il sistema anticipa o ritarda determinate bande di freqeunza, ossia quali armoniche vengono sfasate. In particolare, se la fase è maggiore di zero, si parla di anticipo, mentre se è minore di zero di ritardo.

  • \( \angle\bigl(\mathrm G(j\omega )\bigr) > 0 \Rightarrow \) Il sistema anticipa.
  • \( \angle\bigl(\mathrm G(j\omega )\bigr) < 0 \Rightarrow \) Il sistema ritarda.