Mettendo insieme un codificatore ed un decodificatore, otteniamo un nuovo circuito detto transcodificatore. In particolare dalla figura si evince che bisogna anteporre un decoder ad un encoder e non il contrario. $$ decoder+encoder = transcoder $$ Notate come il numero di ingressi di un transcoder \( n\) corrisponde al numero di uscite di un coder \( n\) e questo valore coincide per le proprietà viste in precedenza, relativamente ai circuiti di decodifica.

Se da un punto di vista funzionale, con un transcode possiamo, implementare molte delle funzioni combinatorie classiche, esso ha un difetto: ha una dimenzione esponenziale nelle connessioni, infatti come vedete, nella matrice di switching abbiamo \( 2^n \) morsetti, un valore che cresce spropositatamente all'aumentare di \(n\).

$$ \diamond $$